CONTATTAMI

Mettiamoci in contatto!

Per contattare l'intervistato devi accedere a Uncò Mag


Oppure Iscriviti manuamente

553. Andrea Paoletti / Casa Netural

5 minuti 832 parole

Be collaborative, be social, be netural. Intervista ad Andrea Paoletti, co-founder di Casa Netural. Entra in contatto con Andrea

Parole: 830 | Tempo di Lettura: 3 minuti e mezzo

Andrea Paoletti_profilo

Andrea Paoletti, architetto di Biella, lascia il Piemonte per una nuova meta: la Basilicata, ai suoi occhi una terra dalle opportunità inesplorate. Mariella Stella, funzionario pubblico di Matera, dopo anni trascorsi fuori il territorio lucano, decide di ritornare nella sua città d’origine. Qui, insieme, gettano le fondamenta per un nuovo progetto, non solo di vita ma anche lavorativo: Casa Netural.

Andrea, che cos’è Casa Netural e come è nata l’idea?
Casa Netural è una community collaborativa, sviluppiamo progetti di innovazione sociale, condividiamo uno spazio di coworking, ospitiamo in coliving persone e progetti da tutto il mondo e incubiamo sogni professionali a Matera, in Basilicata.
L’idea è nata nella mia testa nel 2009, ma ha trovato concretezza solo nel 2012 grazie all’incontro con Mariella Stella, l’anima pop di Casa Netural. Il progetto ogni giorno si carica dell’energia delle persone che gravitano attorno allo spazio e che scambiano idee e collaborano per trasformare il loro sogno professionale in realtà.

Andrea Paoletti_3

Ci spieghi come funziona concretamente l’“incubatore di sogni”?
Casa Netural offre supporto per la realizzazione del proprio “sogno professionale”, partendo dal presupposto che passione ed energia creativa sono ingredienti fondamentali e vera e propria propulsione per realizzare ciò che si ha sognato di fare.
Casa Netural offre dunque consulenza per la realizzazione del progetto, supportando gli utenti nella scrittura dell’idea, nella condivisione della stessa all’interno della community fisica e virtuale che ruota intorno all’incubatore, nella stesura dei business model e del business plan, nell’offrire uno spazio fisico per testarlo e una community di persone per far crescere l’idea e trovare il team.

Consigli per chi ha un sogno professionale ancora chiuso nel cassetto?
Venirci a trovare. Una volta entrati nella nostra casa tutto sembrerà più facile. Bisogna avere coraggio, mettersi in gioco, studiare molto, trovare le persone giuste con cui fare squadra e non mollare mai.

Avete in atto una call #CasaNeturalDiffusa. Ci racconti il perchè di questo esperimento e in cosa consiste?
Casa Netural Diffusa è una call sempre aperta, il progetto in cui i privati mettono a disposizione spazi per ospitare e partecipare alle attività di Casa Netural. Rappresenta la voglia di prendere parte, con la propria realtà privata, dal basso quindi, ad un processo collettivo, ampio, pubblico.

Andrea Paoletti_5

La vostra nuova sede ha preso forma grazie ad una costruzione collettiva. Come è avvenuta?
La nuova casa è l’opera, non ancora conclusa, co-creata da una grande community (gli associati, i Netural lovers, la gente del quartiere). A febbraio abbiamo creato su Facebook un gruppo dal nome “Casa Netural cerca casa”, a cui abbiamo chiesto dove e come doveva essere la casa. Nei mesi successivi, fino a giugno, il gruppo si è trasformato in “CN progetta casa” (ogni partecipante ha disegnato la casa dal punto di vista dei suoi bisogni), “CN costruisce casa” (la community si è attivata nella co-costruzione della casa, generando senso di gruppo e identità) e “CN entra in casa” (abbiamo creato una festa a cui tutta la community è stata invitata). Ora siamo nella fase “CN è in casa”, dove tutto, dopo essere stato generato, è in evoluzione.

Ritieni che l’elezione di Matera a Capitale Europea della Cultura per il 2019 abbia provocato un aumento di nuove idee imprenditori?
L’essere Capitale della Cultura ha destato l’attenzione di persone che vogliono investire nel campo turistico (esercizi commerciali ed alberghieri). Per quanto riguarda i progetti legati ai servizi per la città e per i cittadini, o comunque progetti di impresa sociale, la proclamazione a Capitale della Cultura non ha generato nulla di nuovo. Da parte nostra auspichiamo che proprio dalla nostra Casa possano essere generati progetti a beneficio del territorio e delle sue persone.

Andrea Paoletti_8

Numerosi sono i progetti incubati e segnalati sul vostro sito: ci sveli qualcosa di queste idee imprenditoriali diventate concrete realtà lavorative? Di cosa si occupano?
Netural Talk, Agri Netural, Netural Tourism, Netural Walk, Netural Family e Art About sono tutti progetti incubati, quindi che stanno partecipando al percorso di sviluppo del “sogno professionale” in impresa. La particolarità è che, mentre i progetti sviluppano il modello di business, al tempo stesso sperimentano il prototipo del progetto dentro Casa Netural.
IAC-Centro Arti Integrate è un centro di arti applicato soprattutto al teatro, Netural Talk si occupa di corsi ed esperienze linguistiche con metodologie non formali, Netural Tourism è un progetto di turismo relazionale, mentre Netural Walk è una camminata collettiva di esplorazione e racconto dei luoghi rurali a partire dalle comunità che li abitano. Poi ci sono Netural Family, che è un contenitore di varie attività dedicate alla famiglia a 360 gradi, ed infine Art About, che è una piattaforma per sensibilizzare le persone ai temi ambientali attraverso l’arte.

Andrea Paoletti_7

Quali sono i progetti futuri per Casa Netural?
Scalare il progetto non solo sulla città di Matera e nei suoi quartieri, ma anche sul territorio della Basilicata, portando le logiche collaborative che guidano la nostra Casa sempre più al di fuori, per farle diventare nuova “cultura”.

Andrea Paoletti_4

Andrea Paoletti_2

Credits Foto: Francesca Zito.

Sonia Marazia

Intervista a cura di Sonia Marazia

Digital creative e content editor con una grande passione per la digital art. Credo nella forza della rete e della creatività condivisa, concepita come energia per progettare nuove idee e nuove strade.

Lascia un commento