CONTATTAMI

Mettiamoci in contatto!

Per contattare l'intervistato devi accedere a Uncò Mag


Oppure Iscriviti manuamente

601. Fabio Forchini / Woodwavedesign

5 minuti 926 parole

Le radici nell’artigianato abruzzese e un’idea venuta mentre lavorava in una multinazionale: papillon in legno. Fabio Forchini racconta Woodwave design.

woodwave-700

Quando l’amore per l’artigianato e quello per la moda di qualità si incontrano, il gioco è fatto. Nel caso di Fabio Forchini, 32enne abruzzese ma adottato da Milano dove lavora come consulente informatico nell’e-commerce, questa sinergia si chiama Woodwavedesign e si concretizza in papillon di legno, creati dalle abili mani di un amico artigiano.

Fabio, come hai deciso di dare vita a Woodwavedesign e agli originali papillon di legno?
L’idea nasce nel settembre 2014, parlando con un amico, falegname di professione e artigiano per hobby: “Tu sei bravo con il legno, io ne capisco di ecommerce. Perché non unire le due cose?”. L’apprezzato Made in Italy che incontra il nuovo modo di lavorare e comunicare… “Potrebbe funzionare!” ci siamo detti. Eccezion fatta per la burocrazia, poi non abbiamo dovuto far altro che unire i nostri due mondi ed ecco che è nata Woodwaveesgin.

Perché proprio il legno, materiale insolito per un accessorio di moda?
Sono sempre stato affascinato dagli oggetti in legno, mi trasmettono una sensazione di eleganza e semplicità, senza mai essere banali. Adoro vedere gli artigiani lavorare questa materia prima con le proprie mani per dar vita ad oggetti unici. Basti pensare a tutte le tipologie di legno, ai diversi colori, alla resistenza e alla capacità di adattamento che il legno ha  per capire che non potrà mai esserci un oggetto esattamente identico all’altro. Ciascuno ha una sua storia, una sua personalità. E’ straordinario.

Cosa vi ha spinto a puntare proprio sui papillon? Che tipo di richiesta di mercato state osservando?
Molti dei miei amici mi prendono in giro per la mia passione per la moda perché mi piace sempre indossare la cosa “giusta” in ogni occasione. La scelta non poteva che ricadere in un accessorio da uomo. Il papillon ci sembrava l’accessorio adatto per iniziare, coniugando al meglio la nostra idea di tradizione che incontra il moderno. Chiaramente non è un oggetto per l’abbigliamento di tutti i giorni, ma può essere utilizzato sia per una cena informale con i colleghi, sia per il matrimonio del tuo migliore amico. Più che uno studio del mercato ci siamo fidati delle nostre sensazioni: dopo aver creato il primo pezzo, l’ho indossato in un paio di occasioni e siamo partiti.

DSC08296

Che tipo di legno e di lavorazioni adoperate?
I legni utilizzati vanno da quelli naturali quali ulivo, noce, acero, ciliegio, mogano, a quelli esotici e pregiati quali wengé e padouk. I nostri sono tutti i prodotti fatti a mano, non usiamo macchine laser per tagliare il legno: si sceglie il legno, si crea lo stampo, si modella il papillon, lo si leviga e lo si protegge con una soluzione esclusivamente trasparente per lasciare alla natura esprimere al meglio la sua variegata creatività.

Cosa significa essere artigiano oggi e quali sono le tue ambizioni per il futuro?
Essere artigiani oggi significa innanzitutto avere coraggio e fortuna insieme. E’ un mestiere che si sceglie per passione, per amore nei confronti di quella che è in qualche modo una forma di arte, che richiede pazienza e costanza, nonché molta abilità. Purtroppo oggi è un mestiere che viene spesso sottovalutato, di cui si percepisce meno il valore, ma in linea generale credo che trovare il modo di trasformare la propria passione in un lavoro sia un’immensa fortuna. Con Woodwave stiamo cercando di esaltare le nostre creazioni utilizzando strade finora poco battute dal mondo dell’artigianato. L’obiettivo è quello di stare al passo con i tempi sempre più veloci della modernità, senza però rinunciare alle caratteristiche tipiche di un prodotto veramente artigianale.

Il tuo lavoro principale oggi è però all’interno di una multinazionale: come ti vedi nel futuro?
Lavorare in una multinazionale, soprattutto nel mondo della consulenza, ti permette di essere sempre al passo con i tempi. Il raggiungimento degli obiettivi seguendo la “via” migliore, il rispetto delle tempistiche e il lavoro di squadra (con persone di diverse nazionalità e culture) sono tra le caratteristiche che si acquisiscono in questo mondo. Tutto questo ti porta ad essere dinamico e desideroso di fare nuove esperienze.

Come portate avanti la collaborazione tu, esperto di e-commerce, e l’altra metà di Woodvawedesign, l’artigiano che si occupa di realizzare i prodotti?
Cerchiamo sempre di trarre il massimo dalle esperienze che ciascuno di noi ha quotidianamente e ci confrontiamo spesso per trovare una sintesi in grado di mantenere sempre quell’equilibrio tra tradizione e modernità che ci rappresenta appieno. Crediamo molto nei nostri prodotti e questo ovviamente ci stimola a fare sempre di più per offrire al cliente non solo qualità ed originalità, ma anche un servizio che lo accompagni nella scelta e nell’acquisto nella maniera più rapida ed efficiente possibile.

A quali difficoltà dovete fare fronte?
In questo momento la difficoltà principale sta nel farci conoscere ad un più ampio pubblico possibile, ma, parafrasando un vecchio detto, se li conosci, li cerchi!

Quali sono i prossimi step della vostra attività?
Stiamo già lavorando ad un prodotto rivolto al pubblico femminile. Poi le idee per il futuro sono tante, la fantasia e la voglia di fare non ci mancano. Al momento stiamo cercando di promuoverci utilizzando al massimo i social network e tutto il mondo digitale per far conoscere il nostro lavoro, siamo convinti che sia il canale primario su cui concentrarsi al momento.

Niente offline quindi?
Un occhio comunque lo stiamo dando anche al canale offline, cercando di capire come, dove e su quali negozi puntare. Inoltre, vivendo e lavorando a Milano, potremmo avere molte occasioni per presentarci anche dal vivo.

DSC08313

Elisa di Battista

Intervista a cura di Elisa di Battista

Giornalista, appassionata di comunicazione, digitale, social media, fotografia. Blogger, racconta storie di giovani e artigianato sul suo blog www.laureatiartigiani.it. Seguila su Twitter: @ElisaDiBattista

Lascia un commento

Racconta la tua Storia