CONTATTAMI

Mettiamoci in contatto!

Per contattare l'intervistato devi accedere a Uncò Mag


Oppure Iscriviti manuamente

Birrificio Salgaro

3 minuti 567 parole

Crediamo nelle capacità delle persone e nella possibilità di scegliere cosa fare e con chi condividere un progetto. Intervista a Alessia Maschio, Birrificio Salgaro. Entra in contatto con Birrificio Salgaro

Parole: 541 | Tempo di Lettura: 2 minuti

unco-salgaro-4

Birrificio Salgaro sono Alessia Maschio, 30 anni, web marketing specialist; Gabriele Fregonese 26 anni, analista finanziario e Roberto Peron 26 anni, infermiere e birraio artigiano. Accomunati dalla passione per la birra hanno fondato  nella provincia di Padova la propria beer firm, birra artigianale attenta alle locali tradizioni di produzione.

Com’è nato il Birrificio Salgaro?

Il Birrificio Salgaro è nato 3 anni fa da me, Alessia, da Roberto, il nostro birraio e da un’idea di Gabriele, convinto che la nostra passione per la birra potesse diventare per noi una professione. Da lì abbiamo iniziato a lavorare le sere e durante i weekend per affinare le ricette e riuscire a proporre un prodotto che rispondesse ai canoni del gusto e della produzione artigianale. Nell’estate del 2014 abbiamo fondato la società. Il nome Salgaro deriva dal nostro paese d’origine, in provincia di Padova, che in dialetto veneto è anche il nome di un albero della famiglia dei salici, particolarmente presenti in passato in questa località. Avendo un forte legame con le nostre origini abbiamo quindi deciso di dedicare il nome della società al luogo che ci ha visti crescere secondo principi di genuinità e semplicità, che sono gli stessi alla base della nostra attività. La nostra birra è artigianale, ma non nell’accezione anticonformista del termine, che pare molto in voga oggi, bensì nel senso che rispetta la storica tradizione nella lavorazione.

In che modo vi siete resi conto che il settore poteva essere quello giusto per avviare un’attività?

È avvenuto tutto abbastanza naturalmente, la passione ha guidato le nostre scelte. Non abbiamo valutato il settore più proficuo per poi adattarci, semplicemente siamo partiti facendo qualcosa che ci piaceva per poi trasformarla in una realtà professionale. Fortunatamente il settore è in  forte crescita e le persone sono sempre più interessate e attratte dal mondo delle birre artigianali. E’ un buon periodo per cultura birraia, simile a quello che da tempo sta vivendo il mondo del vino.

Quali competenze sono state necessarie per mettere in piedi la vostra attività?

Abbiamo trascorsi ed esperienze totalmente differenti, tuttavia le nostre competenze si sono unite trovando una buona sinergia. Gabriele ha studiato economia e finanza, io marketing e comunicazione, mentre Roberto scienze infermieristiche. Io mi occupo della parte che riguarda la comunicazione, Gabriele dell’amministrazione e Roberto, il nostro birraio artigiano, è impegnato con la produzione. Quando possiamo collaboriamo insieme per curare la parte commerciale.

Nella vostra decisione quanto ha contato la crisi economica e quanto invece il destino?

La crisi economica per noi ha giocato un ruolo marginale, se non addirittura nullo. L’apertura del birrificio è stata una scelta dettata dalla volontà di portare avanti una passione, cercando di creare qualcosa di buono. Per quanto riguarda il destino, non saprei. Non siamo fatalisti ma crediamo nelle capacità delle persone e nella possibilità degli individui di scegliere cosa fare, in cosa impegnarsi e con chi condividere un progetto.

I vostri progetti per il futuro?

I progetti sono tanti. Di sicuro per prima cosa inizieremo a lavorare ad un impianto proprietario. Attualmente siamo una beer firm, la ricetta è interamente nostra ma per la produzione prendiamo in affitto l’impianto di altri birrifici. Vorremmo riuscire a portare lo stabilimento nel paese mio e di Roberto, in modo da “chiudere il cerchio”.

unco-salgaro-5

unco-salgaro-2

unco-saògaro-1

unco-birrificio-salgaro-1

unco-salgaro-3

Sara Girardi

Intervista a cura di Sara Girardi

Appassionata di gatti, patatine fritte e Beyoncé è fortemente contraria a chi vive intrappolato nella propria comfort zone.

Lascia un commento