CONTATTAMI

Mettiamoci in contatto!

Per contattare l'intervistato devi accedere a Uncò Mag


Oppure Iscriviti manuamente

556. Danilo Campisi / AirHelp

4 minuti 659 parole

AirHelp ti aiuta a ottenere il rimborso da ritardi o cancellazioni di voli. In due anni ha già 100 dipendenti e un ufficio a New York. Danilo Campisi ci racconta AirHelp. Entra in contatto con Danilo

Parole: 618 | Tempo di lettura: 2 minuti

unco-airhelp-700

Danilo, com’è nato AirHelp?
Esatto. AirHelp nasce in una piscina in Thailandia durante Project Getaway ad Agosto 2013. Project Getaway è un programma imprenditoriale che mette insieme 20 imprenditori in una villa per un mese con lo scopo di creare nuove idee imprenditoriali. Non ci poteva essere posto migliore per discutere del volo che era arrivato in Thailandia con oltre 3 ore di ritardo. Così da un piccolo team di 5 persone, oggi siamo oltre cento.

Qual è il punto di forza di AirHelp?
AirHelp è un servizio online e mobile che aiuta i passeggeri a ottenere il rimborso dei soldi spesi nel caso in cui i loro voli sono in ritardo o sono stati cancellati. Abbiamo automatizzato l’iter legale, oltre che progettato e messo in moto un sistema per monitorare in modo proattivo il processo di rimborso. Come si può immaginare le compagnie aeree hanno fatto muro rendendo vicendevolmente e volutamente il processo complesso. Dalle nostre statistiche, nel 50% dei casi le compagnie aeree non rispondono ad un passeggero, e nell’altra metà dei casi, quando rispondono, nell’80% dei casi dicono che si è trattato di un problema tecnico. Ma in base a quanto dice l’UE, un problema tecnico non è una scusante valida. Noi, tramite un processo automatizzato e un forte team legale, abbiamo un tasso di vincita nella disputa del 99%.

Qual è il beneficio per il viaggiatore?
Il cliente non deve più lottare personalmente contro le compagnie aeree, che richiede fatica, tempo e se si è costretti ad andare in tribunale anche denaro. In base alle nostre statistiche, inoltre, solo lo 0,1% dei passeggeri è a conoscenza di aver diritto a fino 600 euro di rimborso in caso di volo in ritardo (+3 ore) o cancellato (se non si è stati avvisati almeno 2 settimane prima). Quindi è nostra missione quella di informare e aiutare i passeggeri ad ottenere il rimborso.

Come lo fate?
Lo facciamo con vari team: abbiamo un team che si occupa di analizzare i dati e ottenere informazioni sempre aggiornati per i passeggeri; un team che si occupa di gestire il reclamo in prima istanza; un team che comunica con le compagnie aeree; e infine un team che porta le compagnie aeree in tribunale quando la comunicazione non va a buon fine. Il servizio per il passeggero non costa nulla. Se vinciamo, tratteniamo il 25% come rimborso spese, altrimenti il cliente comunque non deve pagare niente.

Quali sono i prossimi passi di AirHelp, dove sarete fra 3 anni?
AirHelp è riuscita in 2 anni a coprire 17 paesi Europei e a creare un Head Quarter negli Stati Uniti, a New York. Abbiamo oggi oltre 100 dipendenti e abbiamo sviluppato prodotti unici come il Gmail Scanner, che fa una scansione della tua email alla ricerca di voli eleggibili (la legge vale con fino 3 anni di retroattività’) e il Database Matching con il quale ci integriamo con grosse agenzie come Expedia e contattiamo tutti i loro clienti che hanno avuto un ritardo o una cancellazione negli ultimi 3 anni. Cosa faremo nei prossimi 3 anni? A breve lanceremo AirHelp Pro, un servizio assicurativo per i passeggeri che prevede il rimborso immediato e anche sale VIP negli aeroporti dove spendere il proprio tempo quando si verifica un problema con la compagnia aerea.

Il futuro dei voli sarà sempre più low cost?
Volare e’ oggi alla portata di tutti, solo in Italia abbiamo registrato lo scorso anno 1,3 milioni di voli, 150 milioni di passeggeri di cui 3 milioni che sono eleggibili per ottenere fino a 600 euro di rimborso. Ci aspettiamo che anche grazie ai nostri sforzi il numero di passeggeri che subiscono disagi diminuirà. Riguardo il costo di un biglietto aereo invece, vediamo che le grosse compagnie aeree, come Alitalia nel caso italiano, stanno cambiando strategia, puntando ad un target superiore, non avendo la struttura necessaria per competere sul prezzo con le compagnie low cost.

unco-airhelp-4

unco-airhelp-3

unco-airhelp-2

Alessio Sartore

Intervista a cura di Alessio Sartore

Il suo sito è alessiosartore.com

Lascia un commento