CONTATTAMI

Mettiamoci in contatto!

Per contattare l'intervistato devi accedere a Uncò Mag


Oppure Iscriviti manuamente

Lucia Freschini / Pezzounico

4 minuti 662 parole

La passione di una bambina per gli origami diventa un lavoro. Intervista a Lucia Freschini di Pezzounico. Entra in contatto con Lucia

Parole: 684 | Tempo di Lettura: 3 minuti

unco-pezzounico-1

Restaurare libri non è esattamente il sogno di ogni bambina. Ma è stato quello di Lucia Freschini, ragazza veronese che nel frattempo lo ha fatto diventare un lavoro. Questa è la sua storia.

Come nasce l’idea di Pezzounico?

Alla base di tutto ci sono le mani che raccontano, che producono, che creano e trasformano, che sentono e trasmettono emozioni. Vi è la volontà di “sporcarsi le mani” autoproducendo idee e creando pezzi ogni volta unici, carichi di significato e profonda affezione. Perché è unico ciò che è irripetibile e io credo che l’unicità del manufatto sia un tesoro esclusivo.
L’idea nasce dal concetto che ogni istante è unico e prezioso. Così, dalla passione per il mio lavoro e dall’unicità intrinseca di ogni attimo, nasce Pezzounico, che acquisisce valore aggiunto proprio in virtù di questo inimitabile carattere artigianale.

In che misura ha contribuito la tua formazione scolastica e lavorativa?

Da cosa nasce cosa e tutto torna, dico io. Infatti gli studi intrapresi, gli anni di conservatorio, le esperienze fatte all’estero, la passione per l’arte e il restauro, gli stage fuori Verona: tutto è servito ed ha affinato le mie conoscenze.
Il mondo della carta mi ha sempre affascinata molto, da piccola adoravo realizzare origami.
Dopo un percorso scolastico e universitario dedicato allo studio delle lingue straniere e alla conservazione dei beni culturali, la mia attenzione si è concentrata sul restauro dei materiali cartacei e sulla legatoria artistica.

Quali sono le fasi di lavorazione che portano alla realizzazione del prodotto finito?

Per rilegare un libro le tecniche sono tante e svariate. Io parto dal foglio, anzi, un mucchietto di fogli della stessa dimensione che piego a metà per formare un fascicolo. Un libro è formato da tanti fascicoli e, una volta che questi sono pronti, inizio a cucire. Poi la scelta dei materiali per la coperta viene strada facendo. Amo che le cose vengano da sé, che siano i materiali (carta, cartone, tela, pelle, feltro, stoffa) o i colori a chiamarmi e guidarmi. Non sono io che decido ma il manufatto che sta nascendo.

Attraverso quali canali vendi i tuoi prodotti?

Ho un sito internet e una pagina Facebook. Utilizzo i principali social network come Linkedin, Pinterest e Instagram. Partecipo a manifestazioni dell’artigianato e del fatto a mano. Collaboro con fotografi, per i quali realizzo album per matrimoni e battesimi rigorosamente rilegati mano, e con privati e gallerie antiquarie.

Quali sono i più richiesti e perché?

Gli articoli che propongo sono tanti e diversi: libri e quaderni vari, rubriche, agende, block-notes, album fotografici e da disegno, partecipazioni, cartelle, porta documenti, scatole e cofanetti.
Ma il minimo comune denominatore è il libro in tutte le sue forme e dimensioni, infatti realizzo anche dei libri mignon per poi farne orecchini, collane, porta chiavi, spille, calamite. Forse è questo, il libro così piccolo, che incuriosisce la gente.
Anche i libri in cuoio del tutto personali e unici e la varietà delle legature (in particolare quelle copte e quelle giapponesi) e dei materiali piace molto.

Hai dei punti di riferimento?

Tanti! Sono costantemente alla ricerca di materiali, idee e originalità, per questo entro in contatto con numerosi artisti per confronto e scambio di opinioni. C’è sempre da imparare. Anche se alla fine lo stile peculiare dei miei pezzi salta fuori e si contraddistingue.

Come pensi di sviluppare questa tua attività?

La mia curiosità e passione mi portano ad ampliare molto gli orizzonti e a volte a “sforare” i campi. Ho iniziato a decorare io stessa le carte che utilizzo per foderare i libri e a fabbricare la carta. Oltre a questo, mi occupo di restauro cartaceo, impegnandomi a dar nuova vita a libri, stampe e fotografie. La mia attività si sviluppa a 360°, il mio mondo è fatto di carta e cerco di non tralasciare niente. Tutto deve essere rigorosamente fatto a mano, da me.

unco-pezzounico-5

unco-pezzounico-6

unco-pezzounico-2

unco-pezzounico-3

unco-pezzounico-4

unco-pezzounico-7

unco-pezzounico-8

(Le foto sono di Sergio Gavioli)

Francesco Bommartini

Intervista a cura di Francesco Bommartini

Giornalista appassionato di musica. Ha scritto i libri Riserva Indipendente e Fuori dalla Riserva Indipendente, collabora con Rumore, L'Arena, ExitWell. Ama la sua famiglia, i sorrisi, l’onestà e avere il cuore in pace.

Lascia un commento