CONTATTAMI

Mettiamoci in contatto!

Per contattare l'intervistato devi accedere a Uncò Mag


Oppure Iscriviti manuamente

Playground Around the Corner

3 minuti 577 parole

Una App per aiutare i genitori a viaggiare in serenità. Intervista a Mary Franzoni di Playground Around the Corner. Entra in contatto con Mary

Parole: 584 | Tempo di Lettura: 2 minuti e mezzo

unco-playgroundaroundthecorner-1

Diventata mamma, Mary Franzoni ha coniugato la passione per i viaggi con la sua esperienza nella comunicazione ed è riuscita a far crescere, attraverso la rete, il suo progetto per aiutare i genitori a viaggiare in serenità.

Mary, raccontami chi sei e cosa facevi nella tua vita precedente.

Ho 35 anni, di cui dieci trascorsi nel ramo della comunicazione e organizzazione di eventi. Ho sempre amato viaggiare e ho continuato a farlo dopo la nascita del mio primo figlio, che ora ha cinque anni, senza particolari difficoltà. Ho continuato a viaggiare anche con la nascita del secondo, ma ovviamente le cose si sono un po’ complicate. A dire il vero, l’arrivo dei bambini mi ha portato a riconsiderare tutta la mia organizzazione familiare e così, due anni fa, ho chiuso i rapporti lavorativi con l’agenzia di comunicazione per cui lavoravo per poter conciliare la formazione professionale acquisita con le mie passioni e il tempo per loro.

Come hai unito le tre cose?

Inizialmente aprendo un blog, in cui segnalavo i parchi cittadini per offrire alle famiglie in viaggio dei punti di riferimento in cui lasciar sfogare i bambini stanchi. Grazie alla mia esperienza di mamma viaggiatrice, infatti, mi ero accorta di due cose. La prima: i bambini hanno tutti bisogno di trovare un’area verde in cui muoversi e decomprimere la fatica del viaggio. Bastano anche quindici minuti trascorsi in un piccolo parco di quartiere per permettere ai genitori di rilassarsi e ai figli di giocare. La seconda: nessuna guida, proprio nessuna, indicava la presenza di questi parchi. Vengono segnalati i grandi parchi di divertimento, ma i cosiddetti “giardinetti” no. Il blog è nato proprio per riempire questa lacuna e far sapere ai genitori in viaggio dove trovare queste aree, offrendo anche indicazioni dettagliate su eventuali servizi offerti, sulla presenza o meno delle aree di ristoro, dei giochi presenti e per quali fasce di età.

Hai avuto molte visualizzazioni?

Di più: ho iniziato a ricevere moltissime segnalazioni di piccole aree gioco in Italia e poi anche all’estero. Questo ha reso necessario catalogare le informazioni che mi venivano offerte per aree geografiche e il sito si è arricchito della sezione Parchi gioco nel mondo. Infine è nata la mia APP Playground around the corner per consentire di trovare il parco giochi più vicino, nel più breve tempo possibile.

Parlami della APP. Come è stata sviluppata e che informazioni fornisce?

È nata otto mesi fa e ha già raccolto le segnalazioni di 1100 parchi gioco in Italia e 400 in Europa. Fornisce mappa, immagini, descrizione dei parchi pubblici con i servizi offerti in dotazione e i commenti degli utenti che li hanno testati, dà la possibilità di inserire parchi giochi non ancora recensiti e di commentare aree già presenti sulla mappa, in Italia o all’estero. Last but not least, ha una grande facilità di utilizzo.

Chi ti ha aiutata nella sua realizzazione?

Sto lavorando in collaborazione con Social Cities  per rendere la APP sempre più fruibile e allargare il bacino di utenza. Al momento posso dirmi davvero soddisfatta: è una nicchia di servizi ancora inesplorata, che viene quotidianamente arricchita dagli utenti con segnalazioni e suggerimenti. Con questo spero non solo di aiutare le famiglie in viaggio, ma anche di convincere chi di competenza a curare e dare nuova dignità a queste piccole aree verdi  talvolta ignorate dalle amministrazioni locali.

unco-playgroundaroundthecorner-2

unco-playgroundaroundthecorner-3

unco-playgroundaroundthecorner-4

unco-playgroundaroundthecorner-5

Rossella Boriosi

Intervista a cura di Rossella Boriosi

Classe '66, vivo a Perugia con i miei tre figli, un criceto e - talvolta - il marito. Da due anni curo un blog - trefigli.style.it - dove parlo di maternità col disincanto derivante da una fisiologica sventatezza. Lo scorso novembre ho pubblicato Tre figli unici - sopravvivere a brufoli, tabelline e svezzamento in un colpo solo (ed. Futura)

Lascia un commento