CONTATTAMI

Mettiamoci in contatto!

Per contattare l'intervistato devi accedere a Uncò Mag


Oppure Iscriviti manuamente

Tony Light

2 minuti 399 parole

Costruisci uno strumento musicale, blog specialistici ne parlano, usi internet per venderlo alla tua nicchia. Intervista al maker del suono Tony Light

Parole: 369 | Tempo di lettura: 2 minuti

Tony Light in studio_Photo by Philippa Nicole Barr

Nel 2009 un musicista e un ingegnere di Milano Tony Light e Peppo Lasagna inventavano uno strumento musicale che si chiama Leploop (Laborotorio Elettronico Popolare). Lo sviluppo, produzione e uso di quel box di legno con pannello di alluminio e’ diventato la loro carriera.

Tony, da dove nasce l’ispirazione per creare il Leploop?
La nostra idea era di costruire uno strumento compatto, portatile, per fare musica sperimentale e di ricerca. Eravamo molto influenzati dalla scena tecno degli anni 90 e musica progressiva degli anni 70. Per questo volevamo uno strumento con carattere. Il Leploop è un groove box che ti permette di creare al volo ritmi, melodie e atmosfere.

Per quale ragione alla gente piace usare il Leploop? Il motivo è tecnico o estetico?
Non so bene perché l’idea era anche quella di fare qualcosa di diverso. Penso che alla gente piaccia per l’insieme delle funzioni di un synthetiser: piccolo di natura, ma con un suono aggressivo.

Perché il Leploop è unico?
Perché nasce da un ambiente misto come Otolab, un collettivo di sperimentazione audio/video.

Cosa è cambiato con l’ultimo Leploop e la nuova interazione con il prodotto?
Il nuovo Leploop è sostanzialmente come il primo Leploop, abbiamo aggiunto più funzioni in modo da renderlo ancora più versatile.

Può spiegarmi un po’ il ruolo di internet con la distribuzione del Leploop?
Internet si è dimostrata uno strumento molto utile per lo sviluppo del Leploop, uno strumento artigianale di nicchia. Grazie a blog specialistici, come matrixsynth.com, siamo riusciti a far conoscere il Leploop ad un vasto pubblico, anche grazie a musicisti come Chris Carter che ci ha fatto un’ ottima recensione.

Come lavori tu con questa macchina? La vendi ma fai anche performance, di che tipo?
Uso il Leploop in occasioni speciali. Come musicista do molta importanza al mio set up. Il Leploop si presta per eventi live di vario tipo ma anche per registrazioni in studio o a casa.

Come ha influenzato la tua carriera?
Come musicista è stato molto interessante progettare uno strumento musicale. Grazie alla collaborazione del collettivo Otolab è stato possibile conoscere Peppo, vero deus ex machina del Leploop. Il Leploop ha avuto un buon successo e continueremo a produrlo, abbiamo in progetto anche nuovi strumenti.

(Tutte le foto in bianco e enro sono di Philippa Nicole Barr)

Tony Light_Photo by Philippa Nicole Barr

Leploop_Photo by Philippa Nicole Barr

8966643481_3fa25d551b_h

8966651179_9f789d6146_h

8967849266_9de1d093a5_h

adidas-munchen-luckybeard-13_hi

Philippa Nicole Barr

Intervista a cura di Philippa Nicole Barr

Philippa e' ossessionata dalla qualità dell'aria, dalla musica e dalla tecnologia. Scrive da Sydney (in questo momento). Il suo sito e' www.philippanicolebarr.com

Lascia un commento