CONTATTAMI

Mettiamoci in contatto!

Per contattare l'intervistato devi accedere a Uncò Mag


Oppure Iscriviti manuamente

446. XYZE

6 minuti 1044 parole

Mai più taglie sbagliate durante lo shopping online. Intervista a Paolo Spiga e Andrea Mazzon di XYZE. Entra in contatto con Xyze

Parole: 1038 | Tempo di Lettura: 5 minuti

uncomag-xyze-mazzon-spiga

Come? Grazie a On, il misuratore creato dalla start up XYZE di Paolo Spiga e Andrea Mazzon. La misurazione avviene in pochi step e l’esperienza di acquisto è davvero più semplice con XYZE. Paolo e Andrea mi hanno spiegato da dove sono partiti per creare il logo e come gli è venuta l’idea. Una storia interessante che parla di passione e tanto, tanto impegno per raggiungere i risultati. Il destino quindi sembra c’entrare poco, anche se…

Prima di decidere di creare una startup, di che cosa vi occupavate?
Andrea: Ho lavorato come Marketing e Sales manager per importanti realtà Venete.
Paolo: Ho fatto il Brand manager e creativo per il lancio di prodotti nel settore lusso e fashion.

C’è stato un episodio particolare che vi ha fatto decidere di fondare una startup?
Sì, l’incontro avvenuto nei 3 mesi del MA.D.E.E, un progetto di formazione in ambito digitale a cura della scuola Digital Accademia, durante il quale abbiamo presentato il primo prototipo elettronico per rilevare le misure del corpo. Da quel momento ci siamo dedicati full-time al progetto, investendo personalmente tutte le risorse necessarie per dare vita a una nuova rivoluzione delle taglie, contribuendo in maniera importante al sostegno dell’innovazione digitale e alla produzione manifatturiera nel territorio, principio fondante che anima la nostra ricerca e sviluppo in ambito industriale.

Spiegatemi la scelta del nome XYZE, come ci siete arrivati?
Il concept del marchio XYZE ha visto fin dall’inizio lo studio dell’Uomo vitruviano di Leonardo da Vinci per arrivare allo spazio euclideo cartesiano tridimensionale e l’utilizzo delle forme geometriche per individuare le differenti proporzioni della body anatomy. Il triangolo rovesciato esprime l’accuratezza della misurazione, composta dalla “X” l’ascissa, “Y” l’ordinata, “Z” lo sviluppo nello spazio ed “E”, l’energia meccanica necessaria per indossare i nostri prodotti.
Ma la sintesi perfetta è arrivata grazie ad una ricerca durata sei mesi, durante la quale abbiamo mescolato copertine dischi anni 70, origami e minimalismo di scuola californiana.

Che cos’è On e dove avete trovato l’ispirazione?
On è un nuovo modo di interagire con i capi preferiti usando direttamente le misure del proprio corpo. On si connette con la sua applicazione e dispone di un tutorial in sette passaggi. Lo si posiziona sui punti indicati e si inviano le misure del proprio corpo in modo autonomo, automatico e accurato. Alla fine del processo viene creato lo XYZE ID, un profilo digitale con tutte le misure rilevate che serve per connettere il corpo con i capi che si vogliono acquistare online. Ci siamo ispirati ai prodotti elettronici degli ultimi 20 anni, dove la componente di design ha un’influenza sia sull’esperienza di progettazione che su quella di fruizione.

In pratica avete unito e-commerce, punto vendita fisico e device portatili, è così?
Il nostro obiettivo è portare il nostro sistema di misurazione all’interno del mondo e-commerce e retail. Vogliamo posizionare all’interno dei negozi fisici la nostra tecnologia associata a un tablet o smartphone, in modo da profilare le persone e dare in mano lo strumento per poter acquistare poi sul’e-commerce. Così vendiamo la tecnologia ai migliori brand del settore perché le persone possano ricevere a casa il nostro dispositivo e provare l’esperienza di misurazione XYZE autonomamente.

Che cosa significa che “XYZE is a company growing in H-Farm”?
Come ti dicevamo, ci siamo incontrati al Masterlab di Digital Accademia, da lì abbiamo ricevuto la proposta di essere incubati in H-Farm. Visto che H-Farm offre ai propri partners servizi qualificati di consulenza strategica, pianificazione finanziaria e formazione per noi è stato molto importante. Ad oggi quindi H-FARM è sia socio di XYZE che partner per lo sviluppo del business.

C’è un pubblico di riferimento preciso per il vostro prodotto?
XYZE è ideale per tutte le persone che hanno paura di sbagliare la taglia e vogliono provare a fare acquisti online. L’e-commerce ormai fa parte delle nostre abitudini quotidiane, ci fa risparmiare tempo e denaro. XYZE vuole ricreare le stesse emozioni che si provano quando si acquista un capo nel punto vendita fisico.

Che tipo di difficoltà avete incontrato nel percorso?
Ne abbiamo incontrate alcune. Come ad esempio creare un prodotto da zero che non esisteva prima, mettere assieme i migliori ingegneri e designer italiani, coinvolgerli nel processo creativo e convincerli che quello che avevamo in testa si poteva realizzare. Sono stati due anni di ricerca e sviluppo dove il prodotto ha assorbito molte delle nostre energie, così come trovare i partner finanziari che credessero in noi. Abbiamo dato prova di riuscire a creare un prodotto da zero e portarlo sul mercato.

Che cosa fate per pubblicizzare il vostro prodotto?
La prima comunicazione di XYZE è la cura maniacale del design dei nostri prodotti, sia fisici che di comunicazione. Infatti gestiamo direttamente tutti i canali social: Facebook, Instagram, Pinterest, Youtube e siamo sempre live su Twitter.

Oggi in Italia quanto contano creatività e Made in Italy, ma soprattutto c’è spazio per le nuove imprese?
La creatività è solo il 50% della partita: bisogna essere motivati e precisi per farla atterrare su scenari economici innovativi, sia come modello di business che di confronto con mercati internazionali. La ricetta che proponiamo per creare nuove imprese con un prodotto completamente Made in Italy comprende motivazione personale, creatività e, appunto, precisione.

Destino o capacità personali, che cosa conta di più per un imprenditore?
Andrea: La capacità di farsi le domande giuste. John De Martini, maestro di The Secret (documentario sulla crescita personale e su come migliorare la propria vita, ndr) dice che “la qualità della nostra vita dipende dalle domande che ci facciamo”: niente di più vero!

Paolo: La capacità di lavorare in gruppo. E qui cito Domenico De Masi, teorico della creatività Post-industriale: “Affinché concreti e fantasiosi possano collaborare creativamente, occorre che condividano la stessa mission, che siano motivati a raggiungerla, che siano guidati da un leader carismatico capace di imprimere entusiasmo al gruppo”.

Progetti futuri riguardanti XYZE?
Creare una community di persone XYZERS che creda nei nostri valori e che ci segua in questa fantastica esperienza di innovazione e miglioramento continuo, così siamo già impegnati a sviluppare nuovi prodotti e servizi trasversali sempre nell’ambito delle misurazioni corporee.

uncomag-xyze-metro-digitale-shopping-online

uncomag-xyze-misurazione-automatica

uncomag-xyze-metro-digitale-indossabile-app-mobile

uncomag-xyze-on-metro-digitale-indossabile

uncomag-xyze-what's-my-size

Irene D'Agati

Intervista a cura di Irene D'Agati

Ama l'odore dei vecchi libri, ma è una tech lover. Le piace definirsi fashion geek. Il suo blog è www.nonsoloborse.net

Lascia un commento